L’obiettivo del tirocinio è permettere agli studenti di trascorrere un periodo della loro formazione universitaria presso enti o aziende pubbliche o private, in Italia o all’estero, così che possano da un lato testare le competenze e conoscenze acquisite, dall’altro acquisire nuove abilità. Entrando a fare parte di un contesto lavorativo reale, gli studenti avranno la possibilità di mettere alla prova le proprie capacità di adattamento e far emergere i loro veri interessi.

Gli ambiti in cui il tirocinio può essere svolto spaziano dal mondo scolastico alle agenzie di traduzione, dai centri culturali italiani e stranieri ai festival cinematografici, dalle biblioteche alle rappresentanze diplomatiche. In ognuno di questi ambiti il corso di laurea magistrale in Lingue e Letterature Europee e Panamericane ha stabilito rapporti di collaborazione con una varietà di enti e aziende, disponibili ad accogliere gli studenti interessati.

Il tirocinio prevede 125 ore di attività, corrispondenti a 5 cfu. È possibile inserire il tirocinio nel piano di studi al primo e/o al secondo anno, a condizione di avere già acquisito 15 cfu.