Comitato di Indirizzo Internazionale

Nel 2017-18 il Corso di Laurea Magistrale in Lingue e Letterature Europee e Panamericane (LLEP) ha istituito un Comitato di Indirizzo Internazionale (CII) per prestare maggiore ascolto ai rappresentanti dei diversi ambiti professionali nei quali i laureati in LLEP potranno trovarsi a operare: in primis, l’insegnamento, l’editoria, la traduzione (anche multimediale), le attività culturali organizzate da enti pubblici e privati a livello nazionale e internazionale, nonché la cooperazione internazionale.

Mentre anche in passato si erano svolti incontri con vari stakeholders, si è ora ritenuto che i tempi siano maturi per formare un comitato di respiro internazionale nel quale il Consiglio di Corso di Studi (CCS) possa raccogliere le istanze che provengono da soggetti esterni più vicini al mondo professionale a cui il CCS stesso si rivolge. Se da un lato questo è consigliato dalle normative recentemente introdotte in materia di (auto)valutazione universitaria, dall’altro è anche un’esigenza che il CCS sente con convinzione, soprattutto in chiave di una sempre maggiore internazionalizzazione e professionalizzazione della sua offerta didattica.

Ai lavori del CII partecipano i rappresentanti di istituzioni locali e regionali (ad esempio, il Coordinamento Direzione Cultura del Comune di Bergamo, l’Ufficio Scolastico Regionale e l’Ateneo di Scienze, Lettere e Arti di Bergamo), dell’imprenditoria (nei settori della traduzione multimediale e dell’editoria – NBZ snc e Lemma Press, rispettivamente), delle rappresentanze diplomatiche (Consolato della Bolivia a Milano) e della cooperazione internazionale (Soleterre Onlus, Milano).

Le istituzioni che partecipano al CII hanno ospitato o sono disponibili a ospitare i nostri studenti come tirocinanti e concordano sull’importanza dell’interazione fra la dimensione locale e quella internazionale negli studi a livello magistrale; questa interazione si concretizza sia quando si affrontano temi di carattere storico, linguistico, letterario, culturale e sociale, sia quando si concentra l’attenzione su come le tecnologie multimediali più innovative stiano fornendo una chiave di lettura inedita per quegli stessi temi. In questo senso è dunque importante che l’offerta didattica del corso di studi sia sempre più aggiornata e al passo con le esigenze degli studenti, che si trovano ad operare con una quantità crescente di risorse elettroniche, oltre che del mondo del lavoro, in cui il ruolo della tecnologia è imprescindibile.

La collaborazione avviata con il CII proseguirà con incontri a cadenza regolare e con iniziative rivolte agli studenti, di cui si darà notizia in questa pagina (v. 'Ti interessa anche').